venerdì 4 marzo 2016

All'Università degli Studi del Sannio, Eleonora Pimentel Fonseca. Il coraggio, l'impegno civile, il sacrificio, la libertà

All'Università degli Studi del Sannio, Eleonora Pimentel Fonseca. Il coraggio, l'impegno civile, il sacrificio, la libertà.
BENEVENTO - 8 Marzo 2016: giornata internazionale dei diritti delle donne, La Rivoluzione al Femminile, Eleonora Pimentel Fonseca. Il coraggio, l'impegno civile, il sacrificio, la libertà. Ore 10,30, Sala Rossa, Palazzo San Domenico. Piazza Guerrazzi, Benevento. Martedì 8 marzo, presso la Sala Rossa dell’Università del Sannio, in piazza Guerrazzi, l’Associazione Kinetès – Arte.Cultura.Ricerca.Impresa., in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia (C.U.G.) Unisannio e con la Fidapa BPW di Benevento, dedicherà un’ampia riflessione alla figura di Eleonora Pimentel Fonseca.
Dopo i saluti del rettore Filippo de Rossi, della delegata alle pari opportunità di ateneo Paola Saracini e della presidente della Fidapa Carmen Coppola. Introdurrà il dibattito la presidente di Kinetès, Rossella Del Prete.
Seguiranno gli interventi di Rosanna Pane, professore di diritto privato all’Università del Sannio, di Antonella Orefice,  storica e direttrice de “Il Nuovo Monitore Napoletano”, di Emilia Tartaglia Polcini, responsabile Scuola e Formazione Associazione Kinetès e dell’attrice napoletana Annalisa Renzulli (reduce da un grande successo di critica e di pubblico nelle vesti di Eleonora).
Le conclusioni saranno affidate al regista napoletano Riccardo De Luca che, insieme a Renzulli, è anche autore dei testi dello spettacolo «Eleonora Pimentel Fonseca. Con civica espansione di cuore» che, dopo un eccellente debutto napoletano lo scorso 22 gennaio, nella Sala del Capitolo del Complesso di San Domenico Maggiore a Napoli, ha già avuto, a gran richiesta, diverse repliche. Un successo suggellato anche da un riconoscimento ufficiale da parte del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.
Eleonora Pimentel Fonseca resta oggi simbolo di coraggio, impegno civile ed emancipazione, «con tutto il suo vissuto di moglie e madre mancata, con la sua cultura illuminata, i suoi pensieri lungimiranti, la sua fermezza di spirito, il suo rivoluzionario modo di essere. Un’eroina ‘napoletana’ di cuore e di spirito, tutta protesa nell’impossibile missione di educare quella plebe a divenire popolo».
All’incontro seguirà la messa in scena dello spettacolo teatrale: Teatro De Simone di Benevento, sabato 12 marzo, ore 20,30.

Nessun commento:

Posta un commento