venerdì 30 ottobre 2015

Investigazioni forensi all'Università degli Studi Roma Tre, scienza e tecnica nel primo Master di Criminalistica

Investigazioni forensi all'Università degli Studi Roma Tre, scienza e tecnica nel primo Master di Criminalistica
ROMA - “Scienza e tecnica delle investigazioni forensi". Presentato a Roma Tre il primo Master di Criminalistica incardinato nella Facoltà di Giurisprudenza. Si è svolta ieri, giovedì 29 ottobre, presso la Sala del Consiglio del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Roma Tre, in Via Ostiense 159, la Tavola Rotonda dal titolo “Scienza e Tecnica delle Investigazioni Forensi” e, contestualmente, la conferenza di presentazione dell’omonimo Master di II livello. Dopo i saluti del Direttore del Dipartimento, Prof. Paolo Benvenuti, e la presentazione del corso, a numero chiuso e della durata di un anno a partire da Gennaio 2016, da parte del Direttore del Master, Prof. Mauro Catenacci, Ordinario di Diritto Penale e Direttore della Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali dell’Università Roma Tre, è intervenuto il Procuratore Aggiunto della Procura della Repubblica di Roma, Dott. Franco Ionta: “Di fronte alla deriva scientista a cui assistiamo quotidianamente e al circo mediatico che si attiva attorno ai casi della grande cronaca, già prima dell’inizio del processo, ancora in fase di indagini preliminari, credo che questo Master non solo risulti molto utile ma si presenti con una dote particolare, quello di essere equilibrato, non a caso si parla di interazione tra le varie discipline che devono formare i partecipanti, richiamando un livello di parità tra loro, piuttosto che di integrazione che, invece, richiama un concetto quasi di sudditanza di alcune rispetto ad altre.
Le prove si devono formare sul fatto e non sulla persona!”. Sulla necessità di una ‘prova scientifica’ in grado di reggere in dibattimento si è espresso anche il criminalista forense Dott. Francesco Donato: “Bisogna saper coniugare il sapere scientifico e quello giuridico per ottenere risultati validi e durevoli nel tempo, ma soprattutto riportare la formazione in questo ambito al suo luogo d’origine, l’Università, distinguendosi dalle pseudo-scienze che si ricollegano soltanto a fattori di spettacolarizzazione. Questo Master si pone proprio questo obiettivo e lo fa nell’alveo della Criminalistica, che risponde alle domande fondamentali del ‘chi’, ‘dove’ e ‘quando’ ha commesso il reato, senza dimenticare però la componente criminologica che risponde invece al ‘perché’ lo abbia commesso”.
Sull’importanza di un sapere scientifico “aggiornato e al passo con i tempi” sono intervenuti anche il medico-legale, Prof. Enrico Marinelli e l’anatomopatologo Prof. Vittorio Fineschi, entrambi facenti parte del corpo docenti del Master ed entrambi appartenenti al più importante Istituto di Medicina Legale europeo, quello di Roma presso l’Università Sapienza, dotato di laboratori di ultima generazione in grado di realizzare analisi strumentali all’avanguardia, che molto possono incidere sulla formazione di un prova scientifica d’eccellenza. 
Un corso altamente specialistico, dunque, su un tema molto discusso, attuale e delicato, come quello delle Scienze Forensi, che si configura, già alla sua prima edizione, come il solo incardinato in una Facoltà di Giurisprudenza, avvalendosi di docenze tenute da personalità di spicco sia del mondo giuridico che di quello tecnico-scientifico. “La prova scientifica da sola non basta. - ha concluso infatti il magistrato e scrittore Dott. Otello Lupacchini, Sostituto Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Roma – Essa fornisce degli elementi, ma si tratta di elementi che vanno poi supportati grazie ad una corretta analisi delle tecniche investigative, che nel panorama attuale risulta essere di fondamentale importanza”.
Sono aperte le iscrizioni per chi già possiede titolo di laurea, fino al 15 dicembre 2015. Per candidarsi, inviare una mail a mastersetifuniroma3@gmail.com con allegati il curriculum vitae, un documento d’identità valido ed autocertificazione del possesso del titolo di studi.

Nessun commento:

Posta un commento